Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Jeremiah Owyang’

Sul blog di Jeremiah Owyang che scrive in diretta dalla conferenza di Amsterdam sul Corporate Social Networking la sintesi, a cura del Dott.Urs Gasser dell’ Harvard’s Berkman Center, delle caratteristiche della generazione web native o facebook generation.

1.Interagiscono normalmente con persone di ogni parte del globo: e questo non può non avere un impatto sulle organizzazioni, sui brand, sugli insegnanti, sulle famiglie quando entreranno nel mondo del lavoro

2.Sono sempre on line: a 20 anni avranno passato on line circa 20.000 ore! Da cui derivano personalità multiple, pubbliche e private, on line e off line che hanno lo stesso peso sociale.

3.parlano pubblicamente di fatti personali: il 35% delle ragazze e il 30% dei ragazzi negli stati uniti ha un blog personale. Grande opportunità per le direzioni HR di conoscere dettagli e fatti personali dei propri dipendenti ma attenzione, vale anche il contrario. La facebook generation è abituata a “googolare” capi e colleghi!

4.Hanno la cultura della condivisione: per loro la condotta standard prevede la condivisione delle informazioni; non hanno solo il diritto di parlare ma anche quello di ascoltare. Il rischio: l’abuso di confidenza è dietro l’angolo, i digital native sono fans di wikileaks (lett. fughe di notizie, gossip, in realtà qui si fa riferimento ad un sito internet che dà spazio all’invio di materiale classificato e riservato, in genere documenti di carattere governativo o aziendale, da parte di fonti coperte dall’anonimato)

5.Sono creatori creativi, non più user passivi: Questa generazione crea i propri contenuti e li condivide direttamente on line (date un’occhiata ai social- report sul sito della Forrester per vedere un po’ di numeri)

6.Hanno diversi modelli di acquisizione/fruizione delle informazioni: Posto che il secondo socialnetwork di riferimento è per loro Youtube, questi ragazzi tendenzialmente “sfiorano” le notizie leggendo prevalentemente i titoli di una news. Difficilmente leggono un intero articolo.  Bisognerà riconsiderare le logiche di comunicazione interna (penso sempre alle organizzazioni)

7.Sono collaborativi, attivi e cooperativi.

8.Sono cacciatori di informazioni, “Learning through browsing” è il loro motto: sono una generazione multitask abituata a fare i conti con la sovrabbondanza di informazione a mixare quantità e qualità, a trarre conclusioni, a dare opinioni.

    Insomma….meditate aziende….meditate….

    Read Full Post »